Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Parrocchia Madonna Incoronata
Diocesi di Padova

Pasqua

Riflessioni Vescovo Claudio Quaresima 2016

Riflessioni del Vescovo Cluadio in queste settimane di quaresima riportate nel Bollettino Parrocchiale:

Gesù si trova nel deserto prima di iniziare la sua missione. Ma non è solo: lo Spirito Santo lo conduce, lo guida, lo sostiene nella lotta contro il Tentatore. Nel tempo favorevole della Quaresima, possiamo affrontare i nostri deserti con l’aiuto dello spirito che è riposo, sollievo, conforto e soprattutto forza nella fatica quotidiana. Scrive papa Francesco: "Quanti deserti l’essere umano deve attraversare. Soprattutto il deserto che c'è dentro di lui, quando manca l'amore." Vieni Santo spirito non farci mai mancare il tuo amore e la capacità di amare.
Claudio, vescovo

-----

Un padre, due figli: uno che sbaglia, ritorna e al quale si fa festa; uno cheè sempre con il padre, che fa sempre tutto come si deve e che non si sente valorizzato. Dio non si lega al dito i nostri sbagli, non condiziona il suo amore alla nostra bravura, nemmeno cerca relazioni privilegiate o prive di difetti. Dio è Padre: non conserva alcuna ombra di risentimento. L’ab- braccio al figlio ritrovato e le parole al figlio sempre presente hanno lo stesso sapore: Dio ama incondizionatamente i suoi figli, tutti.
Claudio, vescovo

-----

Chi sbaglia incorre in una pena e deve pagare. La legge è chiara. Ma chi sbaglia... può essere sempre perdonato. La misericordia e il perdono disarmano: fanno sperimentare la propria miseria e la propria indegnità; allo stesso tempo: purificano, fanno ripartire, rigenerano. La misericordia e il perdono di Dio non sono dati per meritocrazia ma per grazia. Tutti noicerchiamogesti misericordia e di perdono ma allo stesso tempo facciamo fatica domandarli e a praticarli…
Claudio, vescovo

-----

Gesù, nei momenti più significativi della sua vita, prega. Nemmeno lui si sottrae a questa “fatica” ma vi si immerge completamente. Nel momento più drammatico e decisivo della sua passione chiede ai suoi discepoli di pregare e lui stesso poi prega. Sant'Agostino commentando questo versetto dice: Che vuol dire entrare nella tentazione se non “uscire dalla fede”?. La tentazione non esclude la prova ma la fede nell’affrontarla. Nella vita prima o poi ci si imbatte in una prova. Soprattutto quelle più dure e dolorose mettono in seria discussione la fede stessa; la grande e facile tentazione è quella di pensare che nulla abbia più senso e che la vita è persino inutile. Che fare? Che dire? Ricordo che una volta un uo- mo, provato fortemente, mi disse così: Lei certo, padre, mi dirà di pregare. Ma la mia fede in questo momento, non so dove sia. So solo che io farò ancora una volta. Non come rimedio per sistemare le cose ma come capacità di stare nella realtà, bella e brutta, della vita.
Claudio, vescovo

-----

Gesù, nostro fratello, uomo come noi, che ha fatto esperienza di dolore, di sofferenza, provato da momenti di angoscia e di pianto, capace di tenerezza e di misericordia soprattutto con i più provati dalla vita; Lui che ha vissuto ogni giorno uno straordinario legame con Dio e che anche nei momenti più bui ha resistito, fedele, nella volontà di Dio; Gesù, nostro fratello, è passato da questa vita alla vita nuova e gloriosa di Dio stesso. Ha attraversato la nostra vita, distribuendo amore; ha attraversato anche la morte, con il terrore che essa incute in ogni uomo, ed è arrivato vittorioso durante la vita e vittorioso sulla morte stessa! Ora vive! Vive per sempre. Vive con la sua storia di fede e di amore.
Ce l’ha fatta! Il suo passaggio dalla morte fisica alla vita spirituale ci dona gioia, ci rallegra: per lui, noi suoi discepoli, cantiamo Alleluja!
Ma, il Vittorioso, il Signore continua a essere nostro fratello e dalla sua nuova condizione continua a prendersi cura di noi perché condividia mo questa vita con lui, per partecipare della sua vittoria. Ci ha lasciato tracce da seguire per raggiungere la nostra meta. Anzi continua a effondere il suo Spirito perché noi abbiamo coraggio e forza nella nostra traversata. Vorrei dirlo, gridarlo a quanti stanno vivendo momenti difficili –ammalati, carcerati, profughi, disoccupati, scoraggiati e delusi...– Coraggio! Gesù, il Signore, è la nostra Pasqua. Come lui, animati dal suo Spirito, crediamo e amiamo. Anche quando umanamente veniamo sconfitti: credi amo in Dio e amiamo il prossimo come Gesù e con il suo sostegno. Come ci ricorda l’inno alla carità: «Solo tre cose resteranno: la fede, la speranza, la carità. Ma più grande di tutte è la carità». Buona Pasqua!
Buona Pasqua carissimi sorelle e fratelli, compagni di strada verso il passaggio aperto da Gesù per tutti noi. Lui è la nostra Pasqua!
Claudio, vescovo
 
Read 1234 times

Bollettino Pasquale

bollettino pasquale 2016

Riflessioni Vescovo Claudio

sepolcro

Incontri e orari Quaresima

Pasqua 2016

Buona Pasqua nel Signore

pasqua 2016

Contatti

Orari

Parrocchia Madonna Incoronata
Via Siracusa, 52
35142 Padova (PD)

Tel. 049680893
e-mail: m.incoronata@gmail.com
              canale youtube

IBAN: IT23Q0103012180000001034908

S. Messe:
tutti i giorni ore 18.30
Sabato ore 18.30
Domenica ora 8.30 - 10.00 - 11.30 - 18.30

La chiesa è aperta tutti i giorni
dalle 8.20 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 19.00

Orario di ricevimento:
Martedì mattina e
tutti i pomeriggi dalle 17.00

Confessioni:
Sabato dalle 17.00

compatibilita browser 2       cookie          
Ottimizzato per questi Browser       Cookie Policy